Benvenuti nel sito. ADR Concilmed augura a tutti gli utenti ed ai visitatori buona navigazione.
ADR Concilmed è abilitata dal Ministero della Giustizia a gestire procedure di mediazione
E', altresì, accreditata a tenere corsi di formazione ai sensi del D.M. 180/2010
ADR Concilmed è iscritta al n. 16 del Registro degli Organismi presso il Ministero della Giustizia
ADR Concilmed è iscritta al n. 28 dell'Elenco Enti Formatori presso il Ministero della Giustizia
 
 
Email:   Password:  
 
 
 
 
 
Sei in » Chi siamo
 
Dettaglio articolo
Perchè ADR
Ingrandisci

A.D.R. è l’acronimo italiano dell’espressione anglosassone “Alternative Dispute Resolution” e costituisce un valido strumento per la gestione alternativa a quella giudiziale delle controversie e la cui massima espressione è costituita dall’Istituto della Conciliazione.

Attivando il tentativo di conciliazione, i litiganti usufruiscono di uno strumento economico, rapido, riservato, volontario, non vincolante, che tende alla soluzione non solo immediata, ma permanente del conflitto e che, il più delle volte, favorisce la regolamentazione dei futuri rapporti tra le parti; pertanto, per la sua stessa natura, spesso è più efficace una conciliazione che una sentenza, essendo la prima fondata sull’accordo tra le parti in lite, con l’affievolimento della conflittualità ed il raggiungimento dell’accordo che, nell’80% dei casi, vale anche a ripristinare un rapporto incrinato.

 

ADR Concilmed nasce nel mese di marzo del 2007 dal forte impegno e dalla ferrea volontà, determinata da un preciso convincimento, di un manipolo di giuristi e di operatori, a vario titolo, del diritto.

 

L’impegno profuso da ognuno dei soci fondatori nel contribuire alla genesi dell’Organismo trae la sua scaturigine dalla presa d’atto della grave crisi in cui versa la Giustizia Giurisdizionale, con l’intollerabile lungaggine dei tempi della giustizia ordinaria ed i suoi costi insostenibili.

            Nei Paesi anglosassoni, già da tempo, sono andate affermandosi forme alternative di soluzione delle controversie, attraverso l’adozione di sistemi che prescindono dall’adire un Organo Giudicante, ma si basano sull’approccio assistito e guidato tra le parti in lite; tali sistemi si sono sviluppati seguendo due precise e distinte istituzioni: quella dell’arbitrato, già sufficientemente noto anche nell’Ordinamento italiano e quella della mediazione/conciliazione, che in Italia, benché istituita sin dal 2003, non ha, a tutt’oggi,  trovato ampi margini applicativi.

 

            La soluzione delle controversie tramite la negoziazione con la controparte si palesa chiaramente come il sistema più efficiente ed immediato della soluzione delle controversie stesse, in quanto offre garanzie di speditezza, economicità, efficacia e, soprattutto, vale a ripristinare un rapporto compromesso che nessuna Sentenza può valere a ristabilire.

 

            Oggi in Italia la conciliazione assistita professionalmente può essere gestita anche da Organismi privati che annoverino nel proprio organico conciliatori adeguatamente formati, deputati a guidare le parti verso il raggiungimento di un accordo.

 

            Il conciliatore NON è un Giudice, NON è un Arbitro, NON ha facoltà decisionale in merito alla controversia della quale è investito. Il conciliatore è un soggetto, il più delle volte designato concordemente dalle parti in lite, deputato ad assistere le parti stesse nel tentativo di consentir loro di addivenire ad un accordo conveniente per entrambe.

 

            Il conciliatore non emette sentenze, non giudica, non decide; il conciliatore può essere definito un coadiutore delle parti, un faro-guida per le stesse, in quanto specificamente formato; l’unica prerogativa della quale è titolare, è la facoltà di formulare eventuali proposte transattive alle quali le parti possono o meno aderire, ma in definitiva l’accordo eventualmente raggiunto discende interamente dalla volontà delle parti.

 

            Il conciliatore è vincolato all’obbligo della confidenzialità e della riservatezza, della indipendenza, imparzialità, della neutralità, della celerità.

 
 


 
 Foto Gallery
 
 News
PER I GIUDICI di PACE
ADR Concilmed è disponibile alla gestione di tentativi di conciliazione in materia penale nei casi prvisti dall'Art. 5 comma 2 del D.Lgs. 28/2010, nonchè dall'Art. 29 4° comma del DECRETO LEGISLATIVO 28 agosto 2000 n. 274
23/02/2008
FORMAZIONE
ADR Concilmed è accreditata presso il Ministero della Giustizia a tenere i corsi di formazione previsti dall'art. 4 comma 4 del D.M. 23 luglio 204 n. 222 in ambito societario
18/03/2008
Registro degli Organismi di Conciliazione
ADR Concilmed è iscritta al n. 16 del Registro degli Organismi deputati a gestire tentativi di Conciliazione, con Decreto del 26.09.2007 emesso dal Direttore Generale del Ministero della Giustizia.
01/10/2007
Mediazione penale
Il D.Lgs. n. 274/00 prevede (art. 29) che, quando il reato è perseguibile a querela, il giudice di pace promuove la conciliazione tra le parti. In tal caso, può avvalersi anche dell'attività di mediazione di strutture pubbliche o private.
20/07/2007
Convenzioni
ADR Concilmed è disponibile alla stipula di convenzioni con Enti, Studi Professionali, Operatori del diritto per la gestione di tentativi di conciliazione
19/07/2007
 
In Evidenza
          Per comunicazioni urgenti, da effettuare anche al di fuori degli orari di lavoro indicati, è possibile contattare il seguente numero: 380-7511470
          Prontuario tariffe - SCARICA
 
 ADR Concilmed - Via G.B. Marino, 13/A - 80125 - Napoli (Na) - Italia
 Tel: 081-2395014 - Fax: 081-2397210 - Email: info.adrconcilmed@gmail.com - PEC: adrconcilmed@legalmail.it - P.IVA: 05804571213 - Codice Fiscale: 95086510633
CMS-solution powered by CyberNET